Profilo facebook Vai al nostro profilo linkedin Vai al nostro canale YouTube
logo-sito-qi.jpg

Disturbi di personalità: una nuova prospettiva. Guida sintetica per il clinico

Joel Paris

Sintesi

Caratteristiche: 170x240mm, xii + 148 pp., brossura
Data di pubblicazione: marzo 2018
Copertina

I disturbi di personalità sono sottodiagnosticati e scarsamente riconosciuti. Una ragione è lo stigma: se siamo quasi tutti sicuri di non essere psicotici, non siamo però così sicuri di non avere un disturbo di personalità. Rifiutare il costrutto ci protegge da quella possibilità. Ma si è poi riluttanti a diagnosticare un disturbo di personalità perché si crede che sia incurabili e perché il costrutto è complesso: l’elemento dell’umore è un aspetto semplice, la personalità no.

Con sapienza clinica, Joel Paris passa al vaglio quello che sappiamo e non sappiamo dei disturbi di personalità e qual è lo stato attuale delle nostre conoscenze riguardo al trattamento. Piuttosto che sostenere un unico metodo di trattamento, propone l’integrazione di tutte le psicoterapie evidence-based, ma anche la gestione effettiva dello specifico caso, dimostrando come sia possibile lavorare produttivamente ed empaticamente con questo tipo di paziente e, soprattutto, che, anche se non è sempre possibile giungere a una completa remissione, è possibile ridurre il senso d’angoscia e promuovere un funzionamento migliore. 

Nascondi [ - ]

Informazioni tecniche

Indice

Prefazione all’edizione italiana di Luigi Abbate  

Introduzione

PARTE I. Questioni generali

1. Perché è difficile diagnosticare il disturbo di personalità

1.1. I disturbi di personalità sono oggetto di stigma 

1.2. Perché non è facile spiegare il disturbo di personalità tramite le neuroscienze 

1.3. I disturbi di personalità sono spesso mal diagnosticati 

1.4. I disturbi di personalità sono complessi 

1.5. Distinzione tra disturbi di personalità lievi e normali variazioni di personalità

2. Tratti, disturbi e DSM-5 

2.1. I confini fra tratti e disturbi 

2.2. Aspetti egosintonici ed egodistonici del disturbo di personalità 

2.3. DSM-5: storia di una controversia 

2.4. Proposta per il DSM-5: il modello ibrido

2.5. Il futuro della diagnosi di disturbo di personalità 

2.6. Un’occasione persa 

3. Eziologia 

3.1. Temperamento 

3.2. Tratti di personalità 

3.3. Fattori biologici e disturbi di personalità 

3.4. Fattori psicologici 

3.5. Esperienze traumatiche infantili nel BPD 

3.6. Fattori sociali nel disturbo di personalità 

3.7. Lo sviluppo di un modello integrato 

4. Prevalenza, precursori e esito 

4.1. Studi epidemiologici 

4.2. Precursori infantili dei disturbi di personalità 

4.3. Outcome

 

PARTE II. Disturbi specifici

5. Disturbo antisociale di personalità 

5.1. Storia 

5.2. Caratteristiche 

5.3. Prevalenza 

5.4. Fattori di rischio 

5.5. Outcome

5.6. La gestione del disturbo antisociale di personalità 

6. Disturbo borderline di personalità 

6.1. Caratteristiche cliniche 

6.2. I vari domini del disturbo borderline di personalità 

6.3. Epidemiologia 

6.4. Un modello biopsicosociale del disturbo borderline di personalità 

6.5. Il disturbo borderline di personalità nell’arco della vita 

6.6. Trattamento 

7. Disturbo narcisistico di personalità 

7.1. Storia 

7.2. Caratteristiche cliniche 

7.3. Rischi e benefici del narcisismo 

7.4. Prevalenza 

7.5. Fattori di rischio 

7.6. Trattamento 

8. Altri disturbi di personalità 

8.1. Disturbi di personalità schizotipico, schizoide e paranoide 

8.2. Disturbo istrionico di personalità 

8.3. Disturbo evitante di personalità 

8.4. Disturbo dipendente di personalità

8.5. Disturbo ossessivo-compulsivo di personalità 

8.6. Disturbo di personalità, non specificato

 

PARTE III. Trattamento

9. Psicofarmacologia

9.1. Perché si prescrivono farmaci ai pazienti con disturbo di personalità

9.2. Psicofarmacologia per i disturbi di personalità

9.3. Antidepressivi 

9.4. Stabilizzatori dell’umore 

9.5. Antipsicotici 

9.6. Uso simultaneo di più farmaci 

10. Le psicoterapie 

10.1. Modalità specifiche di psicoterapia per il BPD 

10.2. Fattori comuni nel trattamento del BPD 

10.3. Importanza della struttura nella psicoterapia 

10.4. Cosa funziona, cosa non funziona e perché

10.5. Trattamento integrato del BPD 

10.6. Applicare la pratica evidence-based al trattamento del disturbo di personalità in generale 

11. Gestione 

11.1. Psicoterapia: terminabile e interminabile 

11.2. Tre principi fondamentali per la gestione 

11.3. Un modello graduale per il trattamento del BPD 

11.4. Gestione della suicidabilità nel BPD 

11.5. Esempi clinici 

11.6. Una filosofia di gestione 

12. Riepilogo e orientamenti futuri 

12.1. Il passato e il presente 

12.2. Orientamenti futuri e domande senza risposta 

12.3. Quattro miti (e realtà) sul disturbo di personalità 

 

Bibliografia 

Indice analitico e dei principali autori 



L'autore

Joel Paris, newyorkese di nascita, ha trascorso la maggior parte della sua vita in Canada. Nel 1964 ha conseguito la laurea in medicina presso la McGill University (Montreal), dove si è poi formato in psichiatria. Dal 1972 fa parte del Dipartimento di Psichiatria della McGill, dipartimento di cui è stato Direttore e di cui è full professor. Il suo interesse di ricerca riguarda il disturbo di personalità borderline, sulle cui cause ed esiti ha lavorato negli ultimi vent’anni, pubblicando più di 200 fra articoli e capitoli di libri peer-reviewed. Autore di diciotto volumi, come docente ha vinto premi per l’insegnamento ed è stato editor-in-chief del Canadian Journal of Psychiatry.


Nascondi [ - ]
Prezzi
cod. 610011 Disturbi di personalità: una nuova prospettiva € 18,00 **
* IVA compresa
** IVA assolta dall'editore
*** IVA compresa (aliq. diverse)