Profilo facebook Vai al nostro profilo linkedin Vai al nostro canale YouTube
logo-sito-qi.jpg

HCR-20 V3. Assessing Risk of Violence

Kevin S. Douglas , Stephen D. Hart , Christopher D. Webster , Henrik Belfrage

Sintesi

Finalità: vValutazione del rischio di recidiva di un crimine violento
Caratteristiche: checklist/intervista semistrutturata
Composizione:
20 item suddivisi in 3 scale
Somministrazione: forma: individuale
tempo: ca. 30'
Scoring: forma: modulo di codifica
tempo: ca. 15'
Psicometria:
Punti T
Campione:
236 ss adulti (190 maschi), di cui 181 in strutture carcerarie e 55 in REMS
Edizione italiana: V. Caretti, F. Scarpa, S. Ciappi, L. Castelletti, R. Catanesi, F.F. Carabellese, S. Ferracuti, F.A. Nava, G. Nicolò, R. Paterniti, G. Rivellini e A. Schimmenti
Data di pubblicazione: luglio 2019
Qualifica: B2
Vantaggi

È uno standard internazionale: l’HCR-20V3 applica un modello di valutazione (Structured Professional Judgment) che lo rende lo strumento più affidabile per l’assessment del rischio di comportamento violento e di recidiva di reato.

Aiuta professionisti clinici e forensi ed istituti a prendere decisioni strutturate su chi pone, per storia personale o dati clinici,  un rischio di violenza e a definire quali azioni mettere in atto per il possibile recupero e per tutelare la sicurezza dei soggetti esposti a tale rischio.

La versione italiana è stata validata su soggetti che hanno commesso reati violenti ed in stato di detenzione, garantendo la piena applicabilità anche nel nostro paese.

Nascondi [ - ]
Introduzione
L’HCR-20V3 è tra gli strumenti più diffusi al mondo per la valutazione del rischio di recidiva in popolazioni carcerarie, forensi e cliniche adulte. Si tratta di una checklist basata su un modello di giudizio professionale strutturato, un metodo analitico che viene utilizzato per comprendere e limitare il rischio di violenza interpersonale e recidiva criminale posto dai singoli individui. Tale giudizio mantiene le basi discrezionali della valutazione clinica, ma si fonda su linee guida basate sull’evidenza per sistematizzare l’esercizio della discrezione del professionista.

Informazioni tecniche

Autorizzazione a fotocopiare

L’HCR-20V3 è distribuita in forma di volume con in appendice il modulo di codifica per la valutazione del soggetto. L’Editore dà autorizzazione alla fotocopia del modulo a chi acquista il volume, esclusivamente per uso professionale.

Applicazioni

Già validata e utilizzata in diversi paesi, l’HCR-20V3 si è mostrata uno strumento di misurazione per il rischio di violenza e di recidiva criminale affidabile e valido nei suoi diversi ambiti di applicazione, fornendo informazioni particolarmente utili per l’inserimento dell’individuo nel contesto detentivo, per la sua rieducazione e l’eventuale attività terapeutica che lo coinvolge, nonché per la programmazione mirata al suo reinserimento in società, quando ciò risulta possibile. L’HCR-20V3 rappresenta quindi uno strumento centrale per il decision making nei contesti carcerari e forensi.

Struttura

L’HCR-20V3 è costituita da 20 item, ciascuno relativo a un fattore di rischio di violenza, che vengono valutati in relazione alla loro presenza e rilevanza, attribuendo una risposta sulla base delle informazioni raccolte relativamente al soggetto in osservazione, attraverso documentazione ufficiale, interviste e informazioni collaterali. I 20 item includono:

  • 10 fattori H (Historical), relativi alla storia clinica del soggetto nel passato
  • 5 fattori C (Clinical), relativi alla condizione clinica del soggetto nel presente
  • 5 fattori R (Risk), relativi ai fattori di rischio futuro per la condizione del soggetto.

Alle risposte agli item relativi alla presenza della caratteristica indagata, categorialmente indicati come “no”, “probabile” e “sì”, vengono attribuiti rispettivamente i punteggi 0, 1 e 2. Allo stesso modo, alle risposte agli item relativi alla rilevanza della caratteristica indagata, categorialmente indicati come “bassa”, “media” e “alta”, vengono attribuiti rispettivamente i punteggi 0, 1 e 2. Le scale dell’HCR-20V3 possono dunque essere considerate come scale ordinali, in cui punteggi superiori indicano la maggiore presenza e la maggiore rilevanza, rispettivamente, delle caratteristiche. Per agevolare l’interpretazione dei punteggi di presenza e di rilevanza delle caratteristiche del rischio di violenza e favorire dunque il decision making professionale, tali punteggi sono stati trasformati in punti T.

Adattamento italiano

Il campione di validazione italiano dell’HCR-20V3 è composto da 236 soggetti, di cui 190 di sesso maschile (80.5%) e 46 di sesso femminile (19.5%); l’età dei soggetti al momento dell’intervista era compresa tra 20 e 81 anni (M = 44.18; DS = 12.47). Tali soggetti sono stati contattati in 181 casi (76.7%) all’interno di strutture carcerarie e in 55 casi (23.3%) all’interno di REMS.

Hanno realizzato il progetto di adattamento italiano:

  • Vincenzo Caretti, professore ordinario di Psicologia dinamica presso la LUMSA di Roma
  • Franco Scarpa, Direttore dell’Unità Operativa Complessa “Salute in Carcere” USL Toscana Centro
  • Silvio Ciappi, docente di Criminologia cognitiva presso l’Università degli Studi di Messina
  • Luca Castelletti, Dirigente Medico Psichiatra dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Castiglione delle Stiviere di Mantova
  • Roberto Catanesi, professore ordinario di Psicopatologia forense presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università "Aldo Moro" di Bari
  • Felice Francesco Carabellese, professore associato di Psichiatria forense presso l’Università "Aldo Moro" di Bari
  • Stefano Ferracuti, professore associato di Psicologia clinica UOC di Psichiatria presso la Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università di Roma
  • Felice Alfonso Nava, Direttore U.O. Sanità Penitenziaria presso Azienda ULSS 6 Euganea
  • Giuseppe Niccolò, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale della ASL Roma 5, nonché dello SPDC Colleferro
  • Rolando Paterniti, docente al Master di II livello in Psichiatria, psicopatologia forense e criminologia dell’Università degli Studi di Firenze
  • Gianfranco Rivellini, Dirigente Medico presso l’ASST Mantova
  • Adriano Schimmenti, professore associato di Psicologia dinamica presso l’Università “Kore” di Enna

Nascondi [ - ]
Prezzi
cod. 6073001 HCR-20 V3 con checklist fotocopiabile € 66,00 **
* IVA compresa
** IVA assolta dall'editore
*** IVA compresa (aliq. diverse)

Prodotti correlati