Profilo facebook Vai al nostro profilo linkedin Vai al nostro canale YouTube
logo-sito-qi.jpg

Batteria VS - Abilità visuo-spaziali nell'arco di vita adulta

Rossana De Beni, Chiara Meneghetti, Felicia Fiore, Lucia Gava, Erika Borella

Copertina di Batteria VS - Abilità visuo-spaziali nell'arco di vita adulta
acquista

Sintesi

Finalità: valutazione delle abilità visuo-spaziali e di orientamento nello spazio
Età/target: adulti (20-91 anni)
Caratteristiche: batteria di prove di performance e autovalutazione
Composizione:
4 prove di performance e 4 questionari
Somministrazione: forma: individuale (carta e matita)
tempo: 60'
Scoring: forma: manuale e computerizzata (file excel scaricabile online)
Psicometria:
punti Z
Campione:
614 soggetti suddivisi in 7 fasce d’età: 20-29, 30-39, 40-49, 50-59, 60-69, 70-79 e 80-91 anni (bilanciate per genere)
Data di pubblicazione: febbraio 2014
Qualifica: B1
Vantaggi

Valutazione longitudinale: la taratura in 7 fasce d’età su un campione che copre tutto l’arco di vita adulta offre la possibilità di predisporre valutazioni longitudinali con l’obiettivo di confrontare la prestazione del soggetto nel tempo e registrare i cambiamenti nelle diverse fasi di vita.

Abilità visuo-spaziali e orientamento, insieme: la possibilità di disporre di un unico strumento per la valutazione delle abilità visuo-spaziali e di atteggiamenti e vissuti emotivi legati all’orientamento consente di osservare come tali abilità cognitive di base influiscono sulla vita quotidiana e l’adattamento della persona al proprio ambiente di vita. 

Performance e autovalutazione: la disponibilità di prove di performance e questionari di autovalutazione permette di confrontare le abilità oggettive del soggetto con la sua valutazione personale, i suoi atteggiamenti e i vissuti emotivi ad esse legati, ottenendo una descrizione completa del funzionamento della persona nel suo ambiente di vita quotidiano. 
Nascondi [ - ]
Introduzione
Le abilità visuo-spaziali fanno da sfondo alla nostra esperienza con l’ambiente, ci permettono di considerare informazioni riguardanti la posizione del nostro corpo e degli oggetti che ci circondano, di muoverci nello spazio con sicurezza. La Batteria VS è stata costruita con l’obiettivo di valutare in tutto l’arco di vita adulta, dai 20 ai 91 anni, le competenze visuo-spaziali di base, le strategie e gli atteggiamenti di orientamento che l’individuo adotta nell’ambiente. Con particolare riferimento alla popolazione degli anziani, in un'ottica di prevenzione del disagio e promozione della qualità di vita, risulta rilevante identificare carenze nelle abilità spaziali e di orientamento, in modo da poter intervenire in modo tempestivo ed efficace.

Informazioni tecniche

Applicazioni
La Batteria VS si presta ad essere utilizzata in tutti i casi in cui sia opportuno valutare le abilità visuo-spaziali e di orientamento di soggetti adulti nell’ambito di un esame dell’adattamento della persona all’ambiente in cui vive. Può essere pertanto di particolare utilità anche nel contesto di progetti di promozione del benessere e della qualità di vita nell’invecchiamento.
Scoring

Il manuale riporta gli algoritmi per effettuare lo scoring manualmente. Sul sito www.sipinvecchiamento.it è però scaricabile un programma gratuito per il calcolo automatico del punteggio e l’indicazione delle fasce di livello in cui si colloca la prestazione del soggetto.

Struttura

La Batteria VS si compone di 4 prove di performance e 4 questionari, finalizzati a valutare le abilità visuo-spaziali di base, la capacità della persona di orientarsi nello spazio e i suoi atteggiamenti personali nei confronti di questi aspetti.

Tutte le prove della batteria sono indipendenti e possono essere somministrate singolarmente in base alle specifiche esigenze di valutazione.

Le prove di performance
  1. Prova di visualizzazione spaziale (sEFT): 13 item in cui si richiede di individuare una figura semplice all’interno di una configurazione più complessa (è la versione rielaborata del GEFT – Group Embedded Figure Test  di Oltman, Raskin, e Witkin, 1971, 2002);

  2. Prova di rotazione mentale (sMRT): 10 item in cui il soggetto deve individuare il risultato della rotazione mentale di una configurazione (è la versione rielaborata del MRT – Mental Rotation Test  di Vandenberg e Kuse, 1978);

  3. Prova di assunzione della prospettiva (sOPT): 6 item che misurano l’abilità di assumere posizioni non allineate all’interno di una configurazione di oggetti (è la versione rielaborata del OPT – l’Object Perspective Test  di Hegarty e Waller, 2001, Kozhevnikov e Hegarty, 2004);

  4. Prova di pointing: 3 prove che valutano l’abilità di saper indicare direzioni nello spazio.

I questionari
  1. Questionario di ansia spaziale (QAS): valuta il grado di ansia o la predisposizione a provare ansia in compiti ambientali (8 item) (è la versione rielaborata da Lawton, 1994);

  2. Questionario di atteggiamento verso i compiti di orientamento (QACO): valuta l’atteggiamento della persona nell’orientarsi in luoghi noti o non familiari (10 item);

  3. Questionario di orientamento spaziale (sQOS): rileva il senso di orientamento percepito e le strategie di orientamento spaziale (9 item) (è la versione rielaborata del QOS – Questionario di Orientamento Spaziale di Pazzaglia, Cornoldi e De Beni, 2000);

  4. Questionario sui luoghi frequentati e i tipi di spostamento: rileva informazioni di carattere descrittivo sulla frequenza degli spostamenti della persona (4 item).


Nascondi [ - ]
Prezzi
cod. 6002102 Manuale VS con prove fotocopiabili € 78,00 *
* IVA compresa
** IVA assolta dall'editore
*** IVA compresa (aliq. diverse)